Stabilire confini con gentilezza: Persone Altamente Sensibili

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Imparare a stabilire confini è una delle abilità che le Persone Altamente Sensibili possono apprendere e che si rivela utile per evitare il sovraccarico.

I confini creano spazio fisico ed emotivo tra te e gli altri. Mostrano alla gente come vuoi essere trattato, cosa va bene con te e cosa no.

I confini sono essenziali in tutte le relazioni: con i tuoi genitori, partner, figli, amici, capo e così via.

Ad esempio, devi stabilire un confine con un collega che mangia ripetutamente i tuoi yogurt dal frigorifero dell’ufficio e hai bisogno di un confine con tua madre che parlo solo dei problemi che sta avendo con tuo padre.

Senza confini, potresti sentirti soffocato, incapace di esprimere i tuoi veri sentimenti e bisogni. I confini ti proteggono dall’essere maltrattato o sfruttato perché comunicano le tue esigenze e aspettative.

I confini sono buoni per tutti!

A volte, i confini sono incontrati dagli altri con rabbia o resistenza (da cui la nostra riluttanza a fissarli).

Ma non è sbagliato o cattivo stabilire dei confini. I limiti non hanno lo scopo di punire o controllare altre persone. Stabiliamo limiti per il nostro benessere. Ma non sono solo buoni per noi – sono buoni per tutti i soggetti coinvolti.

I confini rendono le relazioni più facili.

Se questo sembra confuso, pensa a com’è quando le altre persone provano a stabilire dei confini. Non apprezzi quando il tuo capo stabilisce confini chiari e ti dice specificamente cosa si aspetta e vuole?

Lo stesso vale per le altre relazioni: i bambini si comportano meglio quando i genitori stabiliscono confini chiari.

Le relazioni intime e le amicizie sono più facili quando entrambe le parti sono chiare sui loro bisogni e aspettative.

E quando non riusciamo a stabilire confini, spesso diventiamo pieni di risentimento e rabbia, il che non fa bene a noi o alle nostre relazioni.

I confini comunicano i nostri bisogni e aspettative. Ed è gentile, non egoistico, dire agli altri come vuoi essere trattato, cosa ti serve e cosa ti aspetti.

Tuttavia, anche quando comprendiamo l’importanza dei confini, non li fissiamo sempre.

Perché hai paura di stabilire dei limiti?

Le persone evitano di stabilire limiti per molte ragioni, ma la paura è una delle ragioni principali.

Le paure comuni sull’impostazione dei confini includono:

  • Paura di far arrabbiare le persone
  • Paura di deludere gli altri
  • Paura di essere visto come difficile o egoista
  • Paura di essere cattivi
  • Paura di rovinare le relazioni

Spesso, abbiamo paura di stabilire dei limiti perché non vogliamo essere cattivi o visti come difficili o egoisti.

Alla maggior parte di noi è stato insegnato l’importanza di essere “brave ragazze” o “bravi ragazzi”, che dovevamo essere gradevoli, gentili e altruisti.

E ancora, il messaggio che abbiamo ricevuto da bambini era spesso che dovevamo essere buoni o addirittura perfetti o che i nostri genitori (e altri) non ci avrebbero amato o voluto.

Di conseguenza, sentiamo di dover rendere felici gli altri (o almeno non dispiacerli).

In altre parole, siamo diventati piaceri della gente. Mettiamo costantemente i bisogni degli altri prima dei nostri.

E sacrifichiamo il nostro diritto alla sicurezza, al rispetto, all’individuazione e alla libertà di essere noi stessi, il che in sostanza dice agli altri che i loro bisogni sono più importanti dei nostri e possono maltrattarci per ottenere ciò che vogliono.

Ovviamente, questo non è il messaggio che vogliamo inviare a familiari, amici, colleghi e vicini. Noi vogliamo valutare noi stessi abbastanza per chiedere di che cosa abbiamo bisogno, di essere trattati con rispetto e di avere i nostri sentimenti e le idee. E per fare questo dobbiamo stabilire dei limiti.

Come stabilire i confini con gentilezza

Cominciamo ricordando che definire i confini gentilmente non assicura che gli altri non si arrabbino. Non puoi controllare come gli altri rispondono alle tue richieste.

Tuttavia, l’utilizzo di questi suggerimenti di comunicazione può ridurre la probabilità che altri rispondano con rabbia.

Mantieni l’attenzione sui tuoi sentimenti e bisogni. 

Stabilire un confine significa comunicare ciò di cui hai bisogno e che ti aspetti.

Nel processo, potrebbe essere importante richiamare delicatamente il comportamento offensivo di qualcuno, ma non dovrebbe essere questo il punto focale.

Concentrarsi su ciò che qualcuno ha fatto di sbagliato probabilmente li renderà difensivi. Piuttosto, conduci con ciò che senti e ciò di cui hai bisogno.

Sii diretto. 

A volte, nel tentativo di essere gentili, siamo pieni di desiderio e non chiediamo chiaramente ciò che vogliamo o di cui abbiamo bisogno.

Sii specifico. 

Chiedi esattamente quello che vuoi o di cui hai bisogno. La specificità rende più facile per l’altra persona capire la tua prospettiva e ciò che stai chiedendo.

Usa un tono di voce neutro. 

Il tuo tono di voce può essere ancora più importante della tua scelta di parole, quindi presta attenzione a come lo dici tanto quanto a quello che stai dicendo.

Cerca di evitare urla, sarcasmo, imprecazioni e altri segni di rabbia o disprezzo. Questo disattiva le persone dal tuo messaggio: smettono di ascoltare e iniziano a difendersi.

Scegli il momento giusto. 

Evita la tentazione di dire impulsivamente le cose senza considerare se il tempismo è giusto.

Idealmente, scegli un momento in cui sei calmo, sobrio, ben riposato e non distratto da televisione, telefono, altre persone o problemi.

In realtà, non c’è sempre un momento perfetto per discutere dei confini e se aspetti troppo a lungo, corri il rischio di accumulare risentimenti.

Quindi, scegli il miglior momento possibile. Alcuni limiti devono essere stabiliti in circostanze non ideali. Se tu o qualcun altro sei in pericolo immediato, dovrai andare avanti e stabilire immediatamente un limite, come lasciare una situazione pericolosa.

Considera i bisogni dell’altra persona. 

Quando stabilisci dei limiti con qualcuno a cui tieni, potresti anche considerare i loro bisogni. In altre parole, a volte il compromesso è appropriato.

Il vero compromesso è importante nelle relazioni, ma ricorda che non sei l’unico a scendere a compromessi e che non stai rinunciando a ciò che è più importante per te.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.